Articoli marcati con tag ‘pescara’

Visti dal vivo: Glorytellers

giovedì, 1 aprile 2010 by

glorytellers

Pescara 17.02.2010 live del gruppo Glorytellers… un po’ una delusione.

Appurato che il 17.2.10 ci sarebbe stato, al “Mono” Pescara, il concerto dei bostoniani Glorytellers, mi dico: “mi sono perso Geoff Farina ai tempi dei Karate ma questa volta non mi sfuggirà, voglio proprio andare e godermelo”.

Arriva il giorno fatidico, mi avvio sul presto, l’inizio è previsto per le 22.30. Arrivo in perfetto orario proprio davanti al locale, parcheggio. Piove ma Pescara è sempre accogliente. Sembrerà strano ma credo che questa città, ad esclusione di poche fasce orarie, sia veramente a misura d’uomo; tranquilla ma nello stesso tempo offre tanto sotto molti punti di vista. Direte: “Ma chissenefrega?!” E madonna dai relax! …

Ingresso 8 euro, onesto!  Il locale è quasi vuoto ma mi dicono che la banda attaccherà alle 23 ed infatti, tempo di un paio di birre, il locale si riempie e il concerto inizia.

La line up è la seguente: Farina voce e chitarra acustica, Mike Castellana che imbraccia amorevolmente una diavoletto, Gavin McCarthy alla batteria.

Il suono generale non mi dispiace, forse la chitarra acustica e la voce potevano essere curate meglio.

Il genere è un country pop molto intimista e c’è un velo di tristezza che accompagna tutti i brani probabilmente dovuto non solo al modo in cui sono state scritte le melodie ma proprio a come Farina canta.

Non sono mai stato molto favorevole a che presentassero questa musica nei locali per un semplice motivo: si tratta di un genere in cui prima di tutto vengono i testi. Ma il discorso è che i testi sono in inglese e noi siamo in Italia. Se non capisci i testi dopo un po’ ti annoi. Se si trattasse di rock, basato molto sulla fisicità, o generi in cui il testo è solo una delle componenti, sarebbe diverso. Ma qui si tratta di cantautorato,  in inglese.

I miei dubbi trovano subito conferma, siamo al terzo pezzo, il vociare del pubblico comincia a salire di volume, mi volto e noto che quasi tutti parlottano distrattamente e non hanno grande interesse per il concerto.

Il lavoro alla chitarra elettrica è bello, Castellana lo smilzo usa un piccolissimo ampli valvolare ed un’effettistica essenziale ma più che sufficiente. Ricama egregiamente delle trame che non fanno sentire la mancanza di altri musicisti muovendosi su una linea di confine tra il cajun ed il country melodico.

Il batterista non ha molto brio ma sicuramente gli viene chiesto proprio un apporto minimo.

Sesto brano in scaletta, il rumore è quasi insopportabile, mi chiedo come facciano a mantenere questa calma sul palco, saranno abituati. Fatto sta che comincia a salirmi la tensione, ormai non capisco più una parola di quello che dice e si sentono male anche le chitarre.

Basta decido di andare via, manca un quarto al tocco e sono già fuori dal locale.

Giudizio: non mi sembra che nei brani si possa trovare una grande vena compositiva e le linee del canto sono un tantino piatte.

Capisco che è necessario creare un interesse attorno ad un evento ma penso che definirli : “una delle realtà più interessanti dell’underground musicale degli Stati Uniti”, come faceva la promozione locale, mi sembra un tantino esagerato.

Io lo definirei semplicemente country pop cantautorale e comunque l’underground musicale degli Stati Uniti offre cose ben più interessanti.

I testi: nonostante il fatto che me la cavi discretamente con l’inglese ho capito ben poco a causa del vociare e del caos che quasi subito ha reso il concerto difficile da seguire. Comunque mi sembrano interessanti, non affrontano, almeno direttamente, temi importanti, parlano di storie quotidiane, di vite qualunque e di piccole esistenze.

Geoff Farina non è molto in forma con la voce ma belle le sue parti di chitarra acustica, quindi gli arrangiamenti, e i suoi intrecci col lavoro della chitarra elettrica.

Il giorno dopo il concerto metto il nome di castellana su internet e scopro che suona anche uno degli strumenti che più mi piace, la pedal steel guitar, magari l’avesse portata o forse è meglio di no .. con quel casino

Un muggito a tutti dal Bue.

Glorytellers foto presa da http://www.thefourohfive.com/

AntiSanValentino Day – Come to Pitty tonight!

sabato, 14 febbraio 2009 by

Sabato 14 Febbraio – ore 23,00
Pitty – Pescara (PE)


AntiSanValentino Day - Come to Pitty tonight!

AntiSanValentino Day - Come to Pitty tonight!

Roberto ne ha combinata un’altra delle sue e questa sera ci invita tutti al Pitty di Pescara per festeggiare l’ANTISANVALENTINO DAY

Per info contattare Roberto Crognale su facebook