Il Blog di ‘Tommaso Moro’

L’anonimo festeggiato

sabato, 19 dicembre 2009 by

Ogni anno, in questo periodo, c’è una celebrazione, e penso che verrà ripetuta anche quest’anno.  Durante questo periodo molte persone fanno spese per regali, ci sono molti annunci radio, pubblicità televisive, ed in ogni parte del mondo ognuno parla del fatto che il mio compleanno si stia avvicinando. E’ veramente bello sapere, che almeno una volta l’anno, qualcuno mi pensa.

Come certamente saprai, la celebrazione del mio compleanno è cominciata molti anni fa. All’inizio le persone sembravano capire ed essere grate per tutto quello che avevo fatto per loro, ma oggi nessuno sembra sapere la ragione di questa festa.

Le famiglie e gli amici, in questa occasione, si riuniscono e si divertono un sacco, ma non sanno il vero motivo di questa celebrazione.

Ricordo che lo scorso anno c’è stata una grossa festa in mio onore. Il tavolo era pieno di cibo delizioso, dolci, frutta fresca, frutta secca e cioccolato. Le decorazioni erano bellissime e c’erano molti, molti regali meravigliosamente incartati.

Ma, vuoi sapere una cosa? …Io non ero stato invitato!

Ero l’ospite d’onore e loro non si sono neanche ricordati di mandarmi un invito. La festa era per me, ma quando il grande giorno è arrivato, sono stato lasciato fuori, mi hanno chiuso la porta in faccia… e io che volevo stare con loro e condividere la loro tavola…Mah!

In verità non mi sono sorpreso di questo, perché negli ultimi anni sono sempre più numerose le persone che mi chiudono la porta in faccia lasciandomi fuori dalle loro case e dalle loro vite.

Comunque, dato che non sono stato invitato, ho deciso di entrare alla festa senza fare alcun rumore. Ero lì in piedi, in un angolo.

Stavano tutti bevendo, alcuni di loro erano ubriachi e raccontavano barzellette e ridevano per le cose più stupide. Si stavano proprio divertendo.

Oltre a tutto questo, un uomo grasso, tutto vestito di rosso, che indossava una lunga barba bianca è entrato nella stanza gridando: “Ho-Ho-Ho!”. Sembrava ubriaco. Si è seduto sul divano e tutti i bambini sono corsi verso di lui dicendo: “Babbo Natale, Babbo Natale”… come se la festa fosse stata in suo onore!

A mezzanotte poi, tutti cominciarono ad abbracciarsi, ho allargato anch’io le braccia aspettando che qualcuno mi abbracciasse, e …sai… nessuno mi ha abbracciato.

Subito dopo hanno cominciato ad scambiarsi i regali. Li hanno aperti uno dopo l’altro con grande trepidazione.

Una volta aperti tutti i regali ho guardato se forse ce n’era uno anche per me. Come ti sentiresti se al tuo compleanno tutti condividessero regali e tu non ne ricevessi neanche uno? Allora ho capito che non ero desiderato a quella festa e sono andato via in silenzio.

Ogni anno la situazione peggiora. La gente si ricorda solo di mangiare e bere, dei regali, delle feste e nessuno si ricorda di me.

Vorrei che per questo Natale almeno tu mi permettessi di entrare nella tua vita. Vorrei che riconoscessi il fatto che duemila anni fa sono venuto in questo mondo per dare la mia vita per te, sulla croce, per salvarti. Oggi, voglio solo che tu creda questo con tutto il tuo cuore.

Voglio condividere qualcosa con te. Molti non mi hanno invitato alla loro festa, ma io, molto presto, avrò la mia celebrazione: una grandiosa festa, come mai nessuno ha immaginato, una festa spettacolare. Sto ancora finendo di fare gli ultimi ritocchi. Oggi sto mandando molti inviti, e c’è un invito anche per te.

Voglio sapere se desideri venire, così ti prenoterò e scriverò il tuo nome in lettere dorate nel mio grande Libro degli invitati.

Soltanto coloro che sono su questa lista potranno partecipare alla festa. Chi non risponde all’invito sarà lasciato fuori. Preparati, perché quando tutto sarà pronto farai parte della mia grande festa.

Mi puoi rispondere personalmente e direttamente dal posto in cui mi puoi trovare: dal tuo cuore.

Ti aspetto! Ti voglio bene!

Firmato

l’anonimo festeggiato

Gesu che bussa alla porta del cuore

IL CASO BERLUSCONI, L’ABISSO DEL NULLA E LA CAREZZA DEL NAZARENO…

lunedì, 13 luglio 2009 by

tommaso_moro

Ho sempre ammirato la figura di Tommaso Moro.
Non me ne vogliate se per lo spazio concessomi in questa rivista
elettronica mi permetterò di usare questo soprannome.
Spero solo di poter essere una parte di quanto lui è stata al suo
tempo , anche solo “un piede” . Leggi il resto di questo articolo »